Dialogare con le scuole

Date de rédaction : 22/09/2016

Sei riforme scolastiche passate al vaglio dell’OCSE: nelle Fiandre, in Germania, nei Paesi Bassi, in Norvegia, Polonia e Svezia. Non male la scelta. Per una volta non si parla della Finlandia. Nessun studio di caso di un sistema latino. Si tratta di un esercizio tipico di educazione comparata. Il lavoro mette in evidenza le componenti costitutive di una moderna gestione dei sistemi scolastici: l’accountability, la formazione delle capacità ("capacity building") e il pensiero strategico. (...)

Lire la suite...

Come scrivono gli studenti italiani?

Date de rédaction : 21/09/2016

Nella storia della valutazioni internazionali su vasta scala , l’indagine dell’IEA sulla produzione scritta passa quasi inosservata. La prova fu svolta nel 1984-85 e impegnò un numero ristretto di sistemi scolastici ( 14 in tutto e per tutto) ma richiese ben otto anni di lavoro, calcolando il periodo che va dagli inizi dell’indagine alla presentazione dei risultati. Otto anni spesi bene per mettere a punto una metodologia originale ma troppi per la classe politica che esigeva già allora (...)

Lire la suite...

Teoria postmoderna dei test

Date de rédaction : 17/09/2016

La valutazione non è il piatto forte della cultura scolastica italiana. Questo articolo informa sui lavori in corso riguardanti la costruzione dei test. Ci sono stati nei decenni recenti progressi notevoli a questo riguardo e si conoscono meglio le insufficienze dei test vigenti e si possiede un inventario assai completo dei problemi da affrontare per produrre test affidabili, soprattutto quando i risultati servono per prendere decisioni gravide di conseguenze come la chiusura di una (...)

Lire la suite...

Innovazione e cambiamento non a frammenti

Date de rédaction : 5/09/2016

Gli appuntamenti del 1993. Quale autonomia in due Italie scolastiche, Il patto sociale. Questi sono i temi trattati dal ministro Mattarella nel lontano 1990. L’indagine rivela che poco è cambiato gran che in più di 25 anni. I nodi al pettine sono sempre gli stessi. In Italia il MIUR non ha una strategia di riforma scolastica, tentenna e adotta da anni, che la maggioranza politica sia di centro-sinistra o di centro-destra non fa differenza, politiche diverse: la preferenza va a una politica (...)

Lire la suite...

A contro-corrente: la formazione professionale è competitiva

Date de rédaction : 4/09/2016

Gli autori contestano la pertinenza della tesi propugnata dall’OCSE da anni secondo la quale gli studi superiori ( università e altro) garantirebbero prospettive professionali migliori per cui i governi sono incitati a promuovere l’istruzione terziaria. I risultati di questa indagine che vanno a controcorrente di quanto diffuso dall’OCSE in questi ultimi anni sono stati pubblicati non a caso nel corso dell’estate , ma almeno sono resi pubblici e comprovano che all’interno dell’OCSE esiste una (...)

Lire la suite...