Politiche scolastiche/Politiques de l’éducation

OCSE scopre le competenze socio-affettive dopo averle affossate

Date de rédaction : 9/06/2016

Gli insegnanti lo sanno molto bene: le scuole odierne non sono più solo centri nei quali si apprendono nozioni scolastiche ma sono luoghi in cui si sviluppano molte competenze che un tempo erano invece più o meno curate nelle famiglie come per esempio la puntualità, il rispetto della parola data, la perseveranza. Le funzioni delle scuole non sono più solo di ordine conoscitivo o patriottico. Nelle scuole contemporanee la disciplina, l’ubbidienza, il culto della patria non sono più quelle di un tempo. Nella terminologia odierna si parla di competenze e tutti riconoscono che un buon livello di competenze socio-emotive o socio-affettive aiuta a riuscire meglio a scuola, a compiere studi brillanti e a condurre un’esistenza decente. L’OCSE aveva preso un poco sottogamba questi aspetti , anzi sembrava che li avesse trascurati per dedicarsi pienamente agli insegnamenti derivati dalle indagini internazionali comparate che gestisce e soprattutto dall’indagine PISA. I responsabili scolastici dell’OCSE rifiutano questa osservazione e controbattono dicendo che si sono sempre interessati alle competenze socio-emotive. Sussiste pero`il fatto che tale interesse non è mai stato prioritario e non è mai apparso sul proscenio. Adesso escono due volumi nei quali si tratta di competenze e si afferma che le competenze sono malleabili, possono essere coltivate come lo sono del resto le conoscenze matematiche oppure la capacità di lettura ed inoltre si precisa anche che le competenze sono misurabili, cosa che si sapeva da tempo, ma che scarsa attenzione è stata fin qui dedicata alla messa a punto di test sulle competenze. L’OCSE si impegna a curare quest’aspetto nei prossimi anni. Si vedrà se le le indagini internazionali ne terranno conto e se cambieranno.

Lire la suite...

  • Articles
  • Brèves

OCSE scopre le competenze socio-affettive dopo averle affossate

Gli insegnanti lo sanno molto bene: le scuole odierne non sono più solo centri nei quali si apprendono nozioni scolastiche ma sono luoghi in cui si sviluppano molte competenze che un tempo erano (...)

Spread the wealth, reap the benefits

Si riprende qui nell’originale in inglese la pagine del blog dell’OCSE "educationtoday" perché vi si affronta un tema molto rilevante, quello delle opportunità d’istruzione (in inglese : "opportunity (...)

Trasgredire e non rispettare i programmi

Non è facile innovare, ovunque e cosi`pure nelle scuole. In quest’articolo di due autori USA si citano quattro pratiche semplici per innestare una strategia di innovazione nelle scuole. Va da sé (...)

Povertà e privilegi

Povertà e privilegi: un binomio indissociabile da analizzare nella lotta per un servizio scolastico equo. La scuola non riesce ad asservirsi da questo doppio (...)

Capolinea per l’"accountability" e il "testing"?

Che fine ha fatto la prima riforma scolastica imperniata sui test di rendicontazione (accountability)? E’ fallita, è andata buca oppure ha permesso di migliorare il servizio scolastico statale? (...)

Immaginiamola!

Una delle sfide maggiori per i responsabili politici della scuola è oggigiorno quella di immaginare ambienti scolastici conformi alle conoscenze acquisite sulle modalità d’apprendimento e che (...)

Un decennio sconvolgente per la scuola

La quarta via

Quattro esperienze internazionali originali imperniate sulla creatività e l’apprendimento, che costituiscono una alternativa alla politica dell’amministrazione Obama nel campo della scuola e a (...)

Inghilterra : un nuovo piano per la scuola

La politica scolastica inglese sotto l’impulso dei nuovi ministri accelera la trasformazione della scuola in un’istituzione sociale. Una parte cospicua del miliardo di sterline — 34 milioni — (...)

Lesotho : La faim éteint la soif d’apprendre

Dans certains pays les jeunes de quinze ans rêvent un iPod, un portable, des baskets de grandes marques ; dans d’autres, ils rêvent d’une paire de souliers pour marcher, de vêtements, une assiette (...)
0 | 10

Personalizzazione

Come combattere l’ingiustizia scolastica? Come riuscire a istruire tutti, dunque a non bocciare? Come impostare un insegnamento equo, giusto, non segregante almeno nel periodo della scuola (...)

La società scolarizzata

Continua la marcia forzata dell’espansione dei sistemi scolastici. Mentre da un lato l’apparato scolastico si indebolisce perché non riesce a digerire le nuove tecnologie dell’informazione e della (...)

Alternanza scuola-lavoro in Italia: non è così che si fa

Articolo pubblicato dal Sussidiario , il 19 ottobre , a cura di Eugenio Gotti. Cliccare qui per accedere all’originale in italiano. In Italia si fa un ennesimo miracolo non riuscito in molti (...)

Afrique: Pénurie d’enseignants au Bénin

Article de Catherine Bosquet dans le quotidien parisien Libération du 18 octobre 2016.Cliquer ici pour accéder au texte original de l’article, en français . On cherche 15 000 enseignants pour (...)

Scolarizzazione dei rifugiati

Bollettino numero 53 del club "Norrag" dedicato alla scolarizzazione dei rifugiati. 56 articoli in inglese. C’è del buono e del meno buono. Prospettiva per certi versi comparativista con (...)

Neuroscienze all’arrembaggio

Le neuroscienze possono fornire informazioni ai responsabili delle politiche scolastiche. Quattro cose che , secondo le neuroscienze, i responsabili politici della scuola non dovrebbero mai (...)

Perfezionamento professionale degli insegnanti

Mentre in Italia si discute su come formare gli insegnanti nonché sul beneficio o meno dei corsi obbligatori di perfezionamento degli insegnanti in servizio ( formazione professionale) ecco un (...)

Cosa capita nella scuola negli USA? Guardarsi un poco attorno

Post di Jonathan Butcher, capo del Dipartimento Scuola nella Fondazione Goldwater pubblicato il 9 giugno scorso nel blog scuola di "Education Next" il bollettino trimestrale della (...)

3 cose che i robot non potranno mai fare in classe

Articolo in inglese di Anya Kamenetz trasmesso dalla radio pubblica USA, NPR che si può consultare cliccando qui, pubblicato dal servizio scolastico di NPR il 2 agosto scorso. Libero adattamento (...)

Distribuzione degli insegnanti nelle scuole secondo le loro caratteristiche

Mi capita sotto le mani un testo dell’ETS [13] presentato alla riunione annuale dell’AERA [14] tenutasi nel 2006 a San Francisco. L’indagine riferita in questo documento che è in inglese si può (...)
0 | 10 | 20 | 30 | 40 | 50 | 60 | 70 | 80 | ...