Version imprimable de cet article Version imprimable

 L’educazione per tutti

 

 

È uscito il nuovo rapporto dell’Unesco, un documento annuo, che fa il punto sull’ evoluzione delle iniziative per generalizzare la scolarizzazione primaria nel mondo. Anche quest’anno non si può parlare di progressi. Il documento dell’Unesco lo comprova: l’obiettivo dell’educazione per tutti che la comunità internazionale si era prefisso di conseguire entro il 2015 non è stato raggiunto. Peggio: gli sforzi stagnano. Anche le promesse dei finanziatori non sono mantenute. Esiste dunque un ampio spazio per scaglionare il programma dell’universalizzazione dell’istruzione primaria e quindi per organizzare altri congressi internazionali, per foraggiare un’altra schiera di esperti, per reclutare altri consulenti o per sussidiare centri di analisi più o meno dotti, insomma per permettere a molte persone di continuare a lavorare. Questo è un obiettivo distante da quello ambizioso dell’educazione per tutti, ma non è da denigrare.