Version imprimable de cet article Version imprimable

Cala il livello in matematica alla fine della scuola media

Il livello di conoscenze in matematica alla fine della scuola media precipita in Francia. L’informazione è diffusa dal sito L’Expresso nella nota del 18 maggio scorso (cliccare qui per la versione integrale in francese).

Alla fine della scuola media gli studenti passano un esame assai ben congegnato che fornisce molte informazioni sul livello di conoscenze degli studenti rispetto alle indicazioni ufficiali del programma scolastico. Orbene, tra il 2008 e il 2014 il livello in matematica è calato di 9 punti percentuali. Questo crollo sembra sia dovuto ad un aumento del numero degli studenti deboli. Nel 2008 la loro proporzione era del 15% alla fine della scuola media.Nel 2014 la proporzione era del 20%, ossia un quinto degli studenti.

Come noto da tempo nella scuola media si curano bene gli studenti forti e si abbandonano al loro destino i deboli. Il divario tra i due gruppi cresce invece di diminuire; La scuola media non riesce a ridurre le disparità ma invece le accresce.

La polemica politica

Il Ministero dell’educazione nazionale vede in queste cifre la conferma della necessità di una riforma della scuola media, riforma ora sul tappeto che è contestata in modo plateale sia dagli intellettuali di sinistra sia dalla destra.La riforma scolastica proposta dal Ministero e adottata nel frattempo dal Parlamento dovrebbe permettere di migliorare le conoscenze in matematica degli studenti alla fine della scuola media grazie alle 3 ore di accompagnamento personalizzato previste in prima media, all’ora supplementare come minimo prevista in seconda, terza e quarta media [1], nonché a tutta una serie di altri provvedimenti. Il governo ha preso la palla al balzo ed ha sfruttato questi dati per giustificare ulteriormente la bontà della riforma sul tappeto adottata poco dopo dal Parlamento.

L’indagine PISA

I dati del Ministero sono confortati da quelli dell’indagine PISA sulla cultura scolastica dei quindicenni ossia degli studenti che hanno l’età corrispondente a quella ufficialmente prevista alla conclusione della scuola media. Anche nell’indagine PISA i punteggi francesi dei quindicenni nel test di matematica erano in calo, con una perdita di 16 punti tra il 2003, l’anno della prima indagine PISA con al centro la cultura matematica, e il 2012. Per rapporto al 2003 la proporzione degli studenti deboli è più alta e il loro livello è ulteriormente calato.In media il punteggio dei deboli ( livello inferiore a 2 nella scala PISA) è calato di 23 punti. Questa diminuzione corrisponde alla perdita di due trimestri di scuola.

L’eredità della scuola primaria

Le valutazioni effettuate alla fine della scuola primaria mostrano che il 38% degli studenti giunge alla fine della scuola primaria senza padroneggiare le nozioni matematiche previste dal programma. Il loro livello in matematica è troppo basso, è insufficiente per seguire l’insegnamento della matematica nella scuola media. Pertanto s’imporrebbe una riforma globale dell’istruzione, una revisione delle aspettative, ma si è ancora ben lungi da questo obiettivo.

[1] La scuola media in Francia dura ufficialmente quattro anni