Version imprimable de cet article Version imprimable

Ci risiamo. Cosa ne sanno i giovani delle nuove tecnologie ? Che cosa apprendono fuori dalla scuola ? Non se ne sa gran che. Si suppone che ne siano al corrente, ma questa è un’opinione errata; Qui si parla di informatica. E’ una esperienza assai comune di molti insegnanti constatare che le conoscenze in informatica sono alquanto ridotte. L’abilita’ a schiacciare tasti e a passare da una applicazione all’altra , a giocare con les playstation e a collegare gli strumenti tra loro, non va confusa con la padronanza delle nuove tecnologie. Del resto non c’e’ molta differenza con l’uso di una automobile. Che se ne se sa del motore ? Ben poco, eppure quasi tutti usano le automobili. Bando quindi alle illusioni. I giovani della generazione Y ne sanno meno di informatica di quanto si ritiene di solito.

Estratto dell’articolo in libera traduzione italiana di un’informazione pubblicata sul sito francofono del Québec "Infobourg" (originale in francese scaricabile qui).

 

Articolo di Pierre Turbis pubblicato il 7 maggio 2014

 

Spesso i genitori fanno sponda sui loro figli quando hanno un problema di informatica, come se questa generazione possedesse d’istinto la scienza dei computer. Questo punto di vista è errato. Quanto caratterizza l’esperienza dei giovani con il computer : si basa spesso più sull’istinto che non su conoscenze solide.

In Canada è stata svolta recentemente un’ indagine sulle conoscenze dei giovani in materia di informatica [1] e si è scoperto che i giovani canadesi non ne sanno di informatica più di quanto gli adulti lo suppongono. [2]. Benché i giovani sono immersi fin dalla prima infanzia nel mondo dell’informatica dipendono ancora dei loro genitori e dei loro insegnanti per essere aiutati a perfezionare le loro conoscenze nelle TIC come per esempio la ricerca e la verifica di informazioni su Internet.

I risultati dell’indagine

La valutazione delle competenze della cultura informatica dei giovani canadesi, studenti dell’insegnamento secondario, dimostra che gli studenti sono senz’altro attivamente presenti nelle reti sociali e nel mondo dell’informatica, specialmente in quello dei giochi oppure in quello dei video ma che apprendono e applicano soltanto le conoscenze informatiche che ritengono essenziali per il loro lavoro oppure per il loro divertimento. Le loro conoscenze sono dunque limitate e gli studenti non provano spontaneamente il desiderio di approfondire le loro competenze informatiche. Quando desiderano saperne di più, consultano i loro genitori oppure i loro insegnanti.

L’indagine di HabiloMedias è stata effettuata presso 5400 studenti canadesi. Il 53% delle ragazze confessa di aver imparato come cercare informazioni su Internet dai loro insegnanti. Questa proporzione è del 38% per i ragazzi. D’altra parte, i genitori e gli insegnanti sono la principale fonte di apprendimento per la ricerca su Internet. Un ulteriore elemento stupefacente, nonostante le molteplici possibilità che si incontrano in rete, è il fatto che soltanto il 39% di tutto il campione studenti utilizza un motore di ricerca per trovare le informazioni in linea mentre questa proporzione e del 35% per gli studenti nell’insegnamento secondario superiore.

D’altra parte, risulta che gli studenti sono poco sensibilizzati alla dimensione etica dell’uso di Internet. Il 46% degli studenti ritiene che non c’è nessun problema a scaricare illegalmente musica, emissioni televisive oppure film dalla rete. Il 14% degli studenti del liceo indicano perfino che non esitano a servirsi dei telefoni cellulari per barare durante gli esami a scuola.

Per concludere, secondo questa indagine nonostante il fatto che gli studenti canadesi siano praticamente tutti collegati a Internet (l’ accesso a Internet oggigiorno in Canada è universale tra gli studenti poiché il 99% degli studenti si serve di Internet) le competenze in materia di cultura informatica non vanno necessariamente da sé. Gli aiuti dei genitori come quello degli insegnanti resta dunque molto utile, anzi è essenziale, per un uso efficace e etico del computer.

 

 

[1] si veda http://habilomedias.ca

[2] ndr. : Una situazione del genere probabilmente si verifica anche in altri paesi