Version imprimable de cet article Version imprimable

Continua la pubblicazione dei bollettini mensili di analisi delle informazioni raccolte dall’indagine PISA dell’OCSE. E’ appena uscito il No.35 che si occupa degli studenti che marinano la scuola e dell’assenteismo scolastico( cliccare qui per accedere al bollettino in inglese). Il documento prende in considerazione gli studenti quindicenni che sono stati assenti almeno un giorno dalla scuola nelle due settimane precedenti l’indagine. 

 

Questo bollettino non rivela nulla di straordinario : gli studenti che marinano la scuola sono pochi ( in totale il 18%, poco meno di un quinto dei quindicenni ; in testa sono di Argentini ed i Turchi, ma anche i quindicenni italiani, che stavolta non sono in testa alla classifica , sono ben piazzati e si trovano in terza posizione. Tutte le classi sociali si ritrovano in questo gruppo. Un’analisi dell’assenteismo scolastico richiederebbe però altri metodi di lavoro. In ogni modo questo è il bollettino che sfrutta i risultati dell’indagine PISA 2012 imperniata sulla cultura matematica e rivela che gli studenti assenti conseguono punteggi nel test di matematica meno buoni dei quelli dei compagni non assenti.

L’OCSE continua ad incrociare i punteggi nei test con i risultati nei questionari, in questo caso con informazioni provenienti dal questionario riservato agli studenti. Se le domande non sono buone , le informazioni sono discutibili e le analisi pure.

Questi bollettini sono un eccellente esempio di come si possano analizzare le informazioni raccolte da questo tipo di valutazione anche perché questi bollettini sono succinti, non superano le 4 pagine, contengono un paio di tavole molto leggibili. Vale quindi la pena leggerli. Nel sito dell’ADI (www.adiscuola.it) Tiziana Pedrizzi ne ha esaminati una lunga serie. Ovviamente gli approfondimenti analitici valgono in funzione della qualità delle informazioni prese in esame, per cui si possono anche contestare, ma quel che conta è il lavoro scientifico effettuato dietro le quinte nonché lo stile adottato per informare i responsabili della scuola , gli insegnanti, di quel che si sa sul funzionamento e l’organizzazione della scuola con i dati che ci sono.