Il Centro sulle politiche scolastiche di Washington (CEP) ha rilevato che nel corso dell’anno scolastico 2006-07, solo 33 scuole della California- ossia il 5% di oltre 700 scuole incluse nel programma di ristrutturazione previsto dalla legge federale "No Child Left Behind", hanno migliorato le loro prestazioni. Le altre continuano ad annaspare

The Washington-based Center on Education Policy found that in the 2006-07 school year, only 33 schools—or 5 percent of the more than 700 schools that were in restructuring that year—made enough progress to leave what is known as “program improvement.” This report describes California’s school restructuring under the No Child Left Behind Act, and also includes findings from case studies of nine schools in four school districts: Grant Joint Union, Oakland Unified, Palmdale Elementary, and Tahoe-Truckee Joint Unified.

Version imprimable de cet article Version imprimable

Salvare una scuola che affonda // Le sauvetage d’un établissement à la dérive

Secondo la legge federale "No Child Left Behind" una scuola che non riesce a tenere il ruolino di marcia noto con l’acronimo AYP, ovverossia "adeguato progresso annuo" (Adequate Yearly Progress) nei test dello Stato per almeno cinque anni consecutivi è sanzionata ed è obbligata a ristrutturarsi. La sanzione contempla la sostituzione del corpo docente e l’attribuzione della gestione della scuola ad un ente esterno incaricato di prendere in mano le redini della scuola in difficoltà. Si scopre ora che il numero delle scuole che non ce la fanno cresce e che non è affatto semplice rimettere in sesto una scuola, per lo meno nello Stato della California. La faccenda è ben più complicata di quanto ci si poteva aspettare.

In questo sito numerosi articoli fanno riferimento alla legge federale americana "No Child Left Behind" (NCLB) votata nel gennaio 2001 dalla stragrande maggioranza del Congresso e del Senato americani. [1]

L’applicazione di questa legge è oggetto di molte ricerche perché la riforma federale che mira ad elevare il livello d’istruzione nella scuola dell’obbligo per portarlo in tutte le scuole al di sopra della media dei risultati ai test somministrati in ogni Stato propone procedure e modalità d’intervento del tutto nuove. La valutazione esterna sistematica delle scuole è il perno della legge come lo è la fissazione di un obiettivo nazionale espresso in forma numerica da conseguire nei test di lettura e matematica entro il 2014. A questo scopo, ogni scuola riceve un proprio ruolino di marcia che indica il progresso da realizzare anno dopo anno per elevare progressivamente le proprio prestazioni fino a conseguire l’obiettivo prefissato entro il 2014. Per calcolare questa progressione si è tenuto conto della media dei punteggi ai test dello Stato conseguiti nel 2001 e si è calcolata la differenza esistente tra questo punteggio e quello che si auspica conseguire nel 2014. Ogni scuola sa quindi di quanto deve progredire annualmente. Questa tabella di marcia è nota con l’acronimo AYP (Adequate Yearly Progress). Questo strumento di pilotaggio è presentato in un articolo di questo sito che si può consultare cliccando qui.

Un’altra novità della legge consiste nella formulazione di un dettagliato piano di intervento nel caso in cui le scuole non riescono a rispettare la loro tabella di marcia. Il programma di sostegno enumera anno dopo anno i provvedimenti da prendere ed anche le sanzioni previste. [2] Se dopo cinque anni consecutivi, nonostante i provvedimenti presi, la scuola non riesce a rispettare l’AYP, la scuola è messa sotto tutela e deve essere totalmente ristrutturata.

Il Center on Education Policy di Washington ha condotto una ricerca sulle scuole del programma di ristrutturazione messo in atto nello Stato della California ed ha constato che non è affatto semplice rimettere in sesto una scuola, farle cambiare di connotato, modificarla da cima a fondo. Questa è una buona lezione per tutti coloro che ritengono basti una legge per cambiare l’ordine (o il disordine) scolastico e che si illudono di migliorare in quattro e quattr’otto le scuole. Occorre per altro precisare che i parametri che definiscono una scuola insufficiente sono quelli elencati nella legge NCLB. I criteri di riferimento sono i risultati nei test di matematica ed inglese. Orbene, non è detto che una scuola al disotto della media nei test sia di per sé una scuola allo sbando e quindi da ristrutturare. Resta comunque il problema dell’apprendimento in queste due discipline, di come si apprende, di quanto si apprende e di come si misura quel si apprende. Riportiamo qui le principali conclusioni di questa ricerca.

- Nell’anno scolastico in corso le scuole partecipanti al programma di ristrutturazione in California passano il migliaio (1013 scuole in tutto) ed i distretti scolastici (grosso modo l’equivalente delle province italiane) al di sotto della media sono 98. Queste cifre sono in continua crescita. In un anno, dal 2006-07 al 2007-08 si è passati da 701 scuole a 1013. Il numero delle scuole che riescono a farcela ed a riaffiorare, il che permette loro di uscire dal programma di ristrutturazione aumenta invece molto lentamente (dal 2005-06 al 2006-07 si è passati dal 3 per cento al 5 per cento).

- La stragrande maggioranza delle scuole in difficoltà si trova nelle zone urbane (il 60%) ma la proporzione delle scuole di periferia è pure elevata (il 35%) ed in costante aumento. Le scuole rurali in difficoltà sono solo il 5%. L’urbanizzazione rappresenta quindi una minaccia di degrado, come lo lasciano intravvedere molte ricerche svolte sull’incidenza dell’ambiente extra-scolastico sul funzionamento delle scuole.

- Non c’è nessuna opzione di ristrutturazione proposta dallo stato federale che si rivela migliore di un’altra per conseguire l’AYP in entrambe le materie somministrate nei test od in una o nell’altra materia. Questo vuol dire che non c’è nessuna strategia che merita di essere privilegiata.

- Le strategie federali di intervento per sostenere il programma di ristrutturazione sono molto vaghe. Spetta quindi ai singoli Stati (l’equivalente italiano sarebbero le Regioni) escogitare i provvedimenti appropriati. Questo significa che le autorità scolastiche della California devono pianificare e condurre più di mille progetti di ristrutturazione, il che rappresenta un onere pesantissimo per l’amministrazione scolastica. Si possono quindi averi seri dubbi sulla possibilità di migliorare le scuole con queste strategie.

[1] Gli articoli relativi alla legge NCLB pubblicati in questo sito possono essere reperiti usando il motore di ricerca avanzato e l’acronimo NCLB.

[2] L’elenco dei provvedimenti in caso di non rispetto dell’AYP è presentato in un articolo consultabile in questo sito.

Les documents de l'article

CARestructuringRelease.pdf