Un pugno di distretti scolastici USA (equivalenti alle province italiane), in taluni casi con l’accordo dei sindacati locali, sperimentano soluzioni alternative di retribuzione degli insegnanti. Succinta descrizione di alcuni casi.

Version imprimable de cet article Version imprimable

Tentativi in svariati distretti scolastici USA

Gli scatti di anzianità automatici non bastano più. Non fare però il passo più lungo della gamba e saltare dalla padella alla brace, specie in un paese come l’Italia dove non ci sono né indagini né sperimentazioni in materia. Il problema è scottante, come si suol dire, e non può essere trattato isolatamente senza una riflessione sul senso della scuola pubblica, sulla natura del servizio pubblico d’istruzione. Ruolo e figura degli insegnanti stanno mutando, come muta la funzione della scuola pubblica nella società. Questa è la posta in giuoco.

Rielaborazione libera di un articolo pubblicato dal settimanale USA "Education Week" [1], accessibile solo mediante abbonamento, pubblicato il 10 novembre 2010 a cura di Stephen Sawchuk.

 

Quattro distretti scolastici USA stanno traghettando il loro sistema di retribuzione degli insegnanti verso un sistema di stipendio in base al merito dove gli stipendi sono calcolati anche, ma non solo, tenendo conto della valutazione degli insegnanti,le cui modalità restano alquanto imprecise. E’ probabile che se il sistema scolastico sopravviverà nei prossimi decenni, la valutazione degli insegnanti diventerà inevitabile. Il problema sarà : quale valutazione ? Come ?

 

I quattro distretti :

Eagle County, Colorado (Ovest di Denver) : esperimento in corso dal 2001 e modificato nel 2008. I docenti anziani non possono rifiutare. Lo stipendio annuo può aumentare del 4% annuo in funzione dei risultati della valutazione. Può inoltre aumentare di un altro 4% in funzione dell’indice di crescita degli studenti (i loro risultati misurati con test di matematica e scienze) e se si insegna in scuole periferiche o per o nelle quali si presentano pochi candidati. E’ proposto un piano di carriera.

Baltimora : Procedura in corso. I docenti anziani non possono rifiutare. Si accede agli incentivi dopo una valutazione dell’insegnante che comprende i seguenti elementi :

  • risultati scolastici
  • partecipazione ad attività extra-scolastici ;
  • partecipazione alla formazione e al perfezionamento professionale ;
  • convalida formale della valutazione da parte di un comitato di colleghi.

Esiste un piano di carriera

HARRISON SCHOOL DISTRICT TWO, COLORADO SPRINGS, COLORADO


Esperienza in corso dal 2010-2011.I docenti anziani non possono rifiutarla. I docenti sono collocati a livelli salariali diversi. Per accedere a un livello di stipendio più elevato occorre una combinazione di un elevato punteggio nella valutazione e di prove evidenti di miglioramento degli apprendimenti degli studenti.

Non c`è un piano di carriera.

 Pittsburgh : 

Esperienza iniziata con l’anno scolastico 2010-2011. Gli scatti di anzianità sono mantenuti , ma sono tenuti a sottostare ad una valutazione formale per ottenere un aumento sostanzioso di stipendio.

Esiste un piano di carriera.

 

 

La valutazione degli insegnanti come chiave per il calcolo delle retribuzioni

Dunque, un pugno di distretti scolastici, negli Stati Uniti, taluni con l’accordo dei sindacati locali degli insegnanti , sperimenta forme di remunerazione degli insegnanti alternative al modello standard di caratterizzato da aumento meccanico, anno dopo anno, della busta paga secondo il criterio sacrosanto, almeno fino ad ora, degli scatti di anzianità per annualità di servizio.

Partendo dai piani a lunga scadenza come quelli attuati nella contea Eagle del Colorato fino al contratto di lavoro sottoscritto recentemente ’anno dagli insegnanti del distretto di Pittsburgh, questi sistemi di retribuzione tentano di combinare scatti salariali in base all’anzianità con valutazioni in classe, e rimuovono il sistema tradizionale che garantisce automaticamente aumenti per ogni anno di servizio fino al al livello più elevato di stipendio previsto nel contratto di lavoro.

Tentativi controversi

Questi tentativi non la passano liscia e provocano conflitti sindacali significativi. Per esempio, nella contea di Eagle nel Colorato le autorità hanno dovuto revisionare recentemente i loro piani e gli insegnanti degli ottantadue mila studenti del sistema scolastico di Baltimora il mese scorso hanno respinto una bozza di contratto collettivo di lavoro che avrebbe codificato i cambiamenti del loro sistema di retribuzione. Questo mese, insegnanti di Baltimora discuteranno se accettare o -1 versione modificata del progetto di contratto collettivo.

È probabilmente troppo presto per determinare se questi esperimenti sono un po’ una tendenza significativa e se altri distretti scolastici statunitensi seguiranno in futuro la stessa direzione. È però interessante constatare che diversi fondi privati e pubblici come per esempio Teacher Incentive Fund, Race to the Top iniziative, nonché la fondazione Bill & Melinda Gates furono i distretti scolastici in questa direzione mettendo a loro disposizione risorse considerevoli.

Taluni ricercatori universitari specializzati nella remunerazione degli insegnanti vedono di buon occhio questa sperimentazione la considerano un’occasione unica per tentare forme alternative di strutturazione del modello retributivo secondo modalità che essi attanagliano al fabbisogno dei vari distretti. Anche questo è un esempio di decentralizzazione e di autonomia del sistema scolastico.

"Non ci sono per il momento né indicazioni nazionali né modelli standard da seguire per cui i distretti sono liberi di approntare il proprio sistema" ha affermato Michael Podgursky, un professore di economia dell’Università del Missouri, in Columbia. "Oggi non ci sono pertanto ragioni per credere che un modello si imponga su altri o sia adattato a tutte le situazioni. I vari piani probabilmente si adatteranno al mercato del lavoro alle circostanze esistenti in ogni distretto scolastico nonché alla configurazione del corpo insegnante con il quale hanno che fare". Anche questa è un’interessante indicazione per il federalismo scolastico emergente in Italia.

Due obiettivi

I distretti scolastici americani, grandi o piccoli che siano, con o senza forti sindacati degli insegnanti, con o senza aiuti finanziari pubblici o privati, stanno riesaminando la scala degli stipendi degli insegnanti ed addirittura la loro architetture. I dettagli variano molto da un progetto all’altro, per esempio per quel che riguarda il mantenimento degli scatti salariali di anzianità, oppure i premi connessi al conseguimento dei diplomi più elevati, oppure a una qualsiasi combinazione di questi due fattori. Però, si notano anche molto aspetti comuni in tutti questi sforzi che mirano a modificare le modalità di compenso degli insegnanti. Non prendiamo qui in considerazione il sistema dei bonus che vengono assegnati come una mera aggiunta allo stipendio, mentre invece si presti attenzione ai tentativi che mirano a rimodellare fondamentalmente il sistema di retribuzione collegando gli aumenti di stipendio alle valutazioni. Questa è infatti la grande novità, ovverosia l’abbandono degli scatti automatici d’anzianità oppure del sistema molto meccanico dei bonus.

Il sistema dominante di retribuzione degli insegnanti in vigore pressoché ovunque, ossia in quasi tutti i sistemi scolastici, è apparso negli anni 20 ed è diventato subito popolare grazie anche all’appoggio dei neo-costituiti sindacati di insegnanti che avevano ottenuto dopo lotte omeriche il diritto di interferire nei negoziati per determinare i contratti collettivi di lavoro. A quel tempo, la preoccupazione principale degli insegnanti dei sindacati era quella di neutralizzare i favoritismi dall’amministrazione scolastica, dei dirigenti scolastici, le discriminazioni sulla base della razza, del sesso, oppure delle affinità politiche. In quasi tutti i sistemi scolastici gli insegnanti ed in particolare le insegnanti erano vittime di ricatti e di discriminazioni salariali. Questa è stata una lotta meritevole che ha permesso di proteggere gli stipendi degli insegnanti. Questo risultato è stato raggiunto più o meno ovunque alla fine della seconda guerra mondiale, ma occorre anche specificare che ancora oggi, in certi sistemi scolastici, specialmente in quelli emergenti, come per esempio i sistemi scolastici africani, le discriminazioni di stipendio sono ancora quasi la regola.

Il calcolo degli stipendi degli insegnanti


Gli insegnanti devono essere protetti contro l’arbitrarietà, ma non si può nemmeno ignorare il fatto che molteplici indagini sui risultati degli studenti a scuola hanno permesso di verificare che ci sono poche connessioni tra quanto apprendono gli studenti e le caratteristiche della scala degli stipendi , la quale è ormai largamente utilizzata non solo in quasi tutti i 15.000 distretti scolastici americani ma nella maggioranza dei sistemi scolastici. Gli stipendi degli insegnanti non hanno quasi più nulla a che fare con la qualità del profitto scolastico degli studenti. Che questi imparino o non imparino , si annoino o meno, non conta un fico secco.

Gli schemi di remunerazione in voga accordano scatti salariali che possono essere versati per 10 o 12 anni e più, ma molte ricerche hanno ormai dimostrato che la maggioranza degli insegnanti rende al meglio nei primi tre o quattro anni di attività professionale, poi il rendimento stagna ed infine declina. Con queste informazioni si può senz’altro affermare che la scala degli stipendi impostata unicamente con scatti di anzianità è ingiusta e non tiene conto del rendimento degli insegnanti. Inoltre, le stesse indagini indicano che insegnanti con un titolo di studio elevato generalmente non sono molto più efficaci degli insegnanti che invece non hanno gli stessi titoli.

Secondo un’indagine svolta da Eric Hanushek, economista all’Università di Stanford, nel 2008, ed i cui risultati non sono ancora stati pubblicati, il 9,5% dello stipendio totale degli insegnanti negli Stati Uniti (ovverosia circa il 10% della massa salariale) è utilizzato per finanziare il conseguimento di diplomi superiori e quindi per una forma larvata di perfezionamento professionale e di carriera scolastica, mentre il 27% della massa salariale concorre a pagare gli scatti di anzianità. Non abbiamo nessuna idea di quanto succeda in Italia.

Scopi della revisione dei moduli di retribuzione

Gli scopi dei nuovi piani di retribuzione allo studio sono duplici :

  • fare in modo che gli stipendi abbiano una connessione con il profitto degli studenti ;
  • fornire un aiuto gli insegnanti per consentire loro di realizzare i loro obiettivi.

Tutti i quattro distretti nei quali è in corso una sperimentazione hanno imperniato il progetto sulla valutazione degli insegnanti come leva per rimodellare il sistema di retribuzione.



Impatto sugli studenti

Le valutazioni nella contea di Eagle hanno permesso di aumentare il profitto annuo degli studenti del 4%. Questo risultato è stato confermato da osservazioni svolte da colleghi e da insegnanti esperti nonché dai dirigenti i quali hanno fornito una propria valutazione parallela a quella delle prove strutturate. Il risultato di questa valutazione parallela si è rivelato coerente con quello delle prove strutturate. Il sistema applicato a Eagle concede agli insegnanti il tempo necessario per riunioni settimanali durante le quali discutere gli obiettivi dell’insegnamento.

Il piano "non è tanto sulla riforma del sistema di retribuzione quanto piuttosto su quanto si dovrebbe fare per avere in ogni classe insegnanti altamente efficaci e di eccellente qualità", ha affermato Traci Wodlinger, direttrice dello sviluppo professionale degli insegnanti del distretto del Colorado. "È un mezzo e non un fine in sé".

Come collegare una valutazione degli insegnanti con lo stipendio è un punto che deve ancora essere precisato in due distretti. Per esempio nel distretto scolastico di Pittsburgh che accoglie 28.000 studenti gli insegnanti continueranno a ricevere piccoli scatti annuali ma gli incentivi reali verranno versati soltanto dopo che l’insegnante avrà superato con successo l’anno di prova e dopo che da allora in poi ogni tre anni si tenga conto delle informazioni provenienti del sistema di valutazione.

"Siamo d’accordo che si debba tenere conto dei risultati degli studenti e dell’impatto che un insegnante ha su questi risultati " ha affermato John Tarka, il presidente della federazione degli insegnanti di Pittsburgh.

"Unità di profitto (scolastico)"

Gli insegnanti di Baltimora voteranno 17 novembre su una duplice versione del piano di retribuzione nel tentativo di trovare un accordo maggioritario su un contratto collettivo di lavoro nel quale il peso dei diplomi e degli scatti di anzianità pesi di meno.

Il compromesso su cui si voterà prevede che gli insegnanti avranno un aumento di stipendio collezionando un numero sufficiente di "unità di profitto "che permetta loro di maturare uno scatto di stipendio. I crediti guadagnati conseguendo un titolo di studio più elevato conteranno soltanto per una unità mentre una valutazione soddisfacente peserà per nove unità come minimo e come 12 unità come massimo. Gli insegnanti più capaci potrebbero quindi ottenere un aumento dello stipendio ma l’aumento non sarà automatico.

Gli insegnanti di Baltimora avranno pure la possibilità di candidarsi per ottenere promozioni ma lo potranno fare solo superando un esame approfondito del loro insegnamento svolto in parte da altri insegnanti.

I piani di Pittsburgh e Baltimora stanno attirando l’attenzione di molti distretti scolastici americani perché sono i più avanzati dal punto di vista della presa incontro della valutazione tra tutti quelli che sono in discussione nelle procedure di rinnovamento dei contratti collettivi di lavoro. Questo vuol dire che i contratti collettivi di lavoro possono essere un quadro valido di discussione per la revisione degli schemi di retribuzione e non sono di per sé un ostacolo per le riforme, idea questa che è già stata espressa dal presidente dell’AFT [2] Randi Weingarten [3].



Dettagli diabolici



Il piano della contea di Eagle, avviato nel 2001, ha avuto modo di produrre tutta una serie di ricadute, comprese quelle connesse all’adattamento del piano all’insegnamento secondario nonché alla presenza di una rotazione molto elevata del corpo insegnante. Le difficoltà e gli ostacoli erano tali che ad un certo punto, l’amministrazione scolastica ha costituito un comitato composto di membri del corpo insegnante, di amministratori scolastici, di autorità locali, di dirigenti e sindacalisti per decidere se rivenire al metodo tradizionale di remunerazione oppure se proseguire nell’esperienza.

"All’unanimità si decide di continuare, di non fare marcia indietro, di non ritornare a un sistema di remunerazione bloccato con scatti fissi d’anzianità, di non più facilitare la cultura individualistica degli insegnanti " ha affermato Wodlinger, la direttrice della formazione.


Per finire, il comitato ha adottato svariati cambiamenti. Per esempio ha deciso di rinunciare al sistema dei ricompensare gli insegnanti individualmente sulla base dei punteggi conseguiti dai loro studenti nei test perché risultava troppo difficile collegare questi punteggi alle prestazioni degli insegnanti. Inoltre il distretto ha rivalutato, sia per ragioni filosofiche che pratiche,il premio assegnato agli insegnanti che conseguivano un master

Modifiche analoghe sono state discusse nell’ambito del rinnovo del contratto collettivo di lavoro in tutti gli altri tre distretti. Nessuno però ha rinunciato al principio di valutare gli insegnanti e tutti sono impegnati nel trovare soluzioni rispettose della professione degli insegnanti, della loro dignità, del loro lavoro. A tutti gli insegnanti è garantita l’opportunità di migliorare considerevolmente la loro retribuzione a condizione di accettare l’accordo che prevede l’abrogazione degli scatti automatici dei livelli di stipendio per anzianità.
 

[1] "Districts Try Out Revamped Teacher-Pay Systems"

[2] Acronimo per "American Federation of Teachers", il secondo sindacato per ordine d’importanza degli Stati Uniti ma anche il sindacato più dinamico

[3] Vedi in questo sito la breve su Weingarten  cliccando qui

Les documents de l'article

jpg_USA_Baltimora_State_capitol.jpg
jpg_USA_Eagle_County_Colorado.jpg
jpg_USA_Pittsburgh.jpg
jpg_USA-Harrison.jpg